Una Biologa Molecolare Spiega Come La Cannabis Uccide Le Cellule Tumorali

Le affermazioni anti-cancro fatte dai sostenitori della cannabis medica non si basano più solo su storie di successo e su simpatici aneddoti.

La dott.ssa Christina Sanchez, professoressa di biologia presso l’Università Complutense di Madrid, spiega come la sua ricerca supporta l’affermazione che la cannabis uccide il cancro

Studio dimostra che il THC nella cannabis uccide il cancro

La Sanchez è stata coinvolta in diversi studi che hanno indicato che il cannabinoide THC nella cannabis uccide le cellule tumorali. Questi studi di laboratorio hanno riguardato l’applicazione di composti di THC a colture cellulari di cancro al cervello. Inoltre, le ricerche hanno condotto diversi studi sugli animali.

Il THC, o tetraidrocannabinolo, è il composto chimico della cannabis responsabile dei suoi effetti psicoattivi. Sanchez e il suo team hanno scoperto che, dopo essere state trattate con THC, le cellule tumorali si stavano come “suicidando”. Questo differisce da altri trattamenti contro il cancro, come ad esempio la chemioterapia, poiché il THC è in grado di distinguere tra cellule sane e malsane. D’altra parte, i trattamenti convenzionali contro il cancro non fanno questa distinzione.

Sanchez spiega:

Uno dei vantaggi dei cannabinoidi, o dei farmaci a base di cannabinoidi, sarebbe che essi mirano specificamente a cellule tumorali. Non hanno alcun effetto tossico su cellule normali non tumorali. Questo è un vantaggio rispetto alla chemioterapia standard che mira fondamentalmente a tutto.
Sanchez rivela inoltre che l’effetto anti-cancro del THC è potenziato dalla presenza di CBD, o cannabidiolo. Il CBD è un antiossidante molto potente. Protegge il cervello da stress e danni, oltre alle sue proprietà anti-cancro. Questi effetti sinergici di THC e CBD potrebbero costituire un trattamento molto potente per il cancro.

Sanchez aggiunge:

Non riesco a capire perché negli Stati Uniti la cannabis è in tabella I, perché è abbastanza ovvio non solo dal nostro lavoro, ma dal lavoro di molti altri ricercatori che la pianta ha un potenziale terapeutico molto ampio.

Cannabinoidi e il sistema endocannabinoide

Il corpo umano risponde ai cannabinoidi contenuti nella pianta di cannabis perché produce anche i suoi cannabinoidi naturali. Questi endocannabinoidi aiutano a stabilire e mantenere la salute umana. 

Questo sistema endocannabinoide del corpo ha molte importanti funzioni biologiche. Influenza appetito, umore, comportamento locomotore, riproduzione e molte altre funzioni.

Il sistema endogeno di cannabinoidi, che prende il nome dalla pianta che ha portato alla sua scoperta, è forse il più importante sistema fisiologico coinvolto nello stabilire e mantenere la salute umana. Gli endocannabinoidi e i loro recettori si trovano in tutto il corpo: nel cervello, negli organi, nei tessuti connettivi, nelle ghiandole e nelle cellule immunitarie. In ogni tessuto, il sistema dei cannabinoidi svolge diversi compiti, ma l’obiettivo è sempre lo stesso: omeostasi, il mantenimento di un ambiente interno stabile, nonostante le fluttuazioni esterne

La ricerca continua a stabilire un caso forte per le capacità miracolose di guarigione dei cannabinoidi. Il nostro sostegno alla coltivazione di piante di cannabis e alla continua ricerca scientifica condurrà a una maggiore disponibilità di vari ceppi di cannabis specificamente progettati per contenere alte dosi di alcuni cannabinoidi e quindi servire come farmaci sicuri per malattie orribili.

L’utilizzoo di marijuana medica e di medicinali derivati dalla cannabis nel trattamento di malattie come il cancro, l’epilessia, il dolore cronico, il diabete, la sclerosi multipla, l’insonnia, la depressione, ecc., continuerà a crescere.  

La cannabis può ancora diventare uno dei rimedi naturali più utili per alcune delle malattie più paralizzanti dell’umanità.

 

FONTE: wakingtimes