THCV: il prossimo cannabinoide al centro della ricerca scientifica

Il THCV (Delta 9 – tetraidrocannabivarina) potrebbe diventare presto il prossimo cannabinoide di cui sentiremo molto parlare. L’esplosione della cure a base di cannabis nei ultimi anni ha portato alla ribalta i due cannabinoidi maggiormente conosciuti, sia dal pubblico, che dai ricercatori, il THC e il CBD. Ma la pianta di cannabis ne contiene oltre 100, e le loro proprietà non sono ancora state sondate in profondità.

Secondo diversi esperti, medici e professionisti del settore, oltre ai più noti CBG, CBN e CBC, il cannabinoide del futuro potrebbe essere il THCV. Definito come “l’auto sportiva dei cannabinoidi” da un importante laboratorio di analisi della cannabis in California, ha dimostrato di offrire una serie unica di effetti e benefici medici che lo distinguono da altri cannabinoidi meno noti.

Come si potrebbe intuire dal nome, il THCV è un parente non troppo distante del più famoso THC. Un diagramma rende chiaro che il THCV è fondamentalmente la molecola di THC con la fine tagliata. La scienza lo definisce un analogo: è simile, ma diverso.

THCV E PSICOATTIVITA’

Il THC è quello che viene chiamato agonista del recettore CB1: attiva i recettori CB1 nel cervello e quell’attivazione è ciò che consente effetti psicoattivi. I primi studi hanno suggerito che il THCV aveva un quarto della potenza del THC in questo senso, il che significa che mostrava effetti psicoattivi. Ma la ricerca successiva ha suggerito una cosa interessante: il comportamento della molecola sembra cambiare a seconda della dose. A dosi più basse, THCV ha agito da antagonista del CB1 – in termini molto, molto semplici: non ha avuto effetti psicoattivi e mitiga quelli del THC, come riportato in uno studio del Journal Of Psychopharmacology. A dosi più elevate, tuttavia, si comporta come un agonista dei recettori CB1, con i suoi propri effetti psicoattivi.

LE DOTI TERAPEUTICHE DEL THCV

Secondo il dottor Michael Moskowitz, presidente della Bay Area Pain Medical Associates, a livello di effetti terapeutici il THCV è analgesico e anti-infiammatorio, è neuroprotettivo, il che significa che protegge il sistema nervoso. È anti-nausea e vomito. Aiuta con la salute delle ossa e la loro formazione, favorisce il sonno, è antiepilettico, è anti-ansia. È un importante anti-psicotico. E aiuta con la soppressione dell’appetito, è anti-diabetico e anti-colesterolo.

SOPPRESSIONE DELL’APPETITO

A differenza del THC, che è in gran parte responsabile della “fame chimica”, ed è usato dai malati di cancro e da altri per stimolare l’appetito, il THCV può effettivamente smorzare i dolori della fame e aiutare con la perdita di peso bloccando il recettore che innesca l’”ormone della fame“.
Inoltre è stato dimostrato che il THCV può aumentare il dispendio energetico – il che significa bruciare più calorie. Forse è per questo che i consumatori regolari di cannabis hanno meno probabilità di essere obesi rispetto alla popolazione generale.

REGOLAZIONE DEL GLUCOSIO NEL SANGUE

Il THCV può essere utile per le persone che soffrono di diabete di tipo 2. Gli studi hanno dimostrato che questo cannabinoide può migliorare la tolleranza al glucosio e aiutare a regolare i livelli di insulina per stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue. Queste scoperte hanno portato una rivista leader sulla cura del diabete per concludere che: Il THCV potrebbe rappresentare un nuovo agente terapeutico nel controllo glicemico in soggetti con diabete di tipo 2.
Notizie più incoraggianti provengono da uno studio condotto dalla Harvard Medical School, che ha concluso: “I soggetti che hanno riferito di aver usato marijuana nell’ultimo mese hanno livelli più bassi di insulina a digiuno e HOMA-IR (insulino-resistenza), livelli più elevati di HDL-C (lipoproteina ad alta densità o colesterolo “buono”), nonché circonferenza della vita più piccola.

CONTROLLO DEGLI ATTACCHI DI PANICO

Questo rapporto di un importante laboratorio di test sulla marijuana riassume in modo significativo le attuali scoperte sul THCV in relazione al controllo dell’ansia: il THCV ha dimostrato di ridurre o addirittura bloccare gli attacchi di panico e, di conseguenza, può essere molto efficace nella gestione del disturbo da stress post traumatico e altri disturbi mentali che comportano ansia o stress, come mostrato in ricerche in luoghi come Israele, dove una grande quantità di cannabis la ricerca è fatta.

CONTROLLO MUSCOLARE E NEUROPROTEZIONE

Poiché può legarsi sia con i recettori CB1 che CB2 del sistema endocannabinoide del corpo, il THCV può ridurre i tremori muscolari associati al morbo di Parkinson, al morbo di Alzheimer e alla SLA e ha anche dimostrato di ridurre le lesioni cerebrali che si verificano nelle fasi successive dell’Alzheimer. Ci sono anche evidenze scientifiche che il THCV può ridurre sia la frequenza che la gravità delle crisi epilettiche, sia quando vengono prese come misura preventiva, sia quando somministrate durante l’evento. Sono in corso i lavori per creare ceppi di marijuana e derivati ​​della cannabis con contenuto di THC e contenuto di THCV medio, nella speranza di sviluppare un prodotto non intossicante che possa essere usato per trattare l’epilessia negli adulti e nei bambini.

PROTEZIONE E RIGENERAZIONE OSSEA

Agendo sui recettori dei cannabinoidi situati all’interno del sistema endocannabinoide scheletrico, il THCV ha dimostrato di rallentare o prevenire alcune forme di degenerazione ossea e può effettivamente favorire la crescita di nuove cellule ossee. Man mano che i ricercatori apprendono di più su questo processo, e il modo in cui il THCV si lega ai recettori che regolano la massa ossea, viene sempre più studiato per il suo potenziale nel trattamento dell’osteoporosi e di altre condizioni degenerative relative all’osso.

BENEFICI ADDIZIONALI

Le proprietà antinfiammatorie del THC e del CBD sono ben note e la ricerca suggerisce che il THCV può fornire benefici simili, oltre a alleviare il dolore dall’infiammazione e alcune protezioni antiossidanti che possono aiutare con i disturbi cognitivi. Man mano che si studierà di più su questo particolare componente della cannabis, si potranno scoprire ulteriori benefici.

 

Fonte; Cannabis Terapeutica