Attenzione! Si sono verificati alcuni problemi tecnici al nostro sito - Per ordinare o ricevere assistenza non esitate a contattarci! [email protected] - 3519872410

Problemi tecnici sul sito. Contattaci per ordini o assistenza 3519872410

 

Categorie Ricerche e Applicazioni CBD

Tempo di lettura 2 minuti

Le proprietà anti-infiammatorie del CBD

Il CBD, acronimo di cannabidiolo, è un composto estratto dalla pianta di cannabis. Negli ultimi anni, il CBD è diventato oggetto di grande interesse nella comunità medica e scientifica grazie alle sue proprietà anti-infiammatorie.

Molti studi hanno dimostrato che il CBD può essere efficace nel trattamento di una vasta gamma di disturbi infiammatori, tra cui l’artrite, il morbo di Crohn, la sclerosi multipla e molte altre malattie autoimmuni. Ma come funziona il CBD?

Il CBD agisce sul sistema endocannabinoide del nostro corpo, che è responsabile della regolazione del dolore, dell’umore, dell’appetito e dell’infiammazione. Quando il nostro corpo subisce un’infiammazione, il sistema endocannabinoide attiva i recettori CB1 e CB2, che a loro volta rilasciano sostanze chimiche che riducono l’infiammazione.

Il CBD agisce sui recettori CB2, riducendo l’infiammazione in tutto il corpo. Inoltre, il CBD può influenzare la produzione di citochine, che sono proteine che regolano l’infiammazione nel corpo. Il CBD è stato anche dimostrato efficace nel ridurre il dolore associato all’infiammazione.

Oltre a queste proprietà anti-infiammatorie, il CBD è anche stato dimostrato efficace nel trattamento di problemi di salute mentale come l’ansia e la depressione. Uno studio del 2018 ha mostrato che il CBD può ridurre significativamente l’ansia in pazienti con disturbi d’ansia generalizzata.

È importante notare che il CBD non ha effetti psicoattivi come il THC, che è il principale composto psicoattivo della cannabis. Il CBD è completamente legale in molti paesi, incluso negli Stati Uniti, purché contenga meno dello 0,3% di THC.

Ci sono altre numerose prove che suggeriscono che il CBD può avere proprietà anti-infiammatorie. Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2018 sul Journal of Clinical Investigation ha dimostrato che il CBD può aiutare a ridurre l’infiammazione nei polmoni causata da una malattia respiratoria chiamata fibrosi polmonare idiopatica. Inoltre, uno studio pubblicato nel 2012 sul Journal of Experimental Medicine ha dimostrato che il CBD può ridurre l’infiammazione del colon in un modello animale di colite ulcerosa.

Ci sono anche studi che suggeriscono che il CBD può avere proprietà antiossidanti. Gli antiossidanti aiutano a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi, che sono molecole altamente reattive che possono danneggiare le cellule del corpo e contribuire a diverse malattie croniche, tra cui le malattie infiammatorie. Uno studio pubblicato nel 2011 sulla rivista Molecular Biology Reports ha dimostrato che il CBD può avere proprietà antiossidanti.

Tuttavia, è importante notare che molte di queste ricerche sono ancora in fase preliminare e che sono necessari ulteriori studi per confermare i risultati. Inoltre, il CBD può interagire con alcuni farmaci, quindi è importante consultare il proprio medico prima di utilizzarlo come trattamento per qualsiasi malattia.

In conclusione, il CBD ha dimostrato di avere proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti in diversi studi. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare l’efficacia del CBD come trattamento per le malattie infiammatorie e altre condizioni. Prima di utilizzare il CBD come trattamento per qualsiasi malattia, è importante consultare un medico per valutare i potenziali benefici e rischi. Mentre se hai già ricevuto il parere del tuo medico e non sai come orientarti tra le innumerevoli proposte che offre il mercato, nella nostra sezione dedicata troverai la soluzione più adatta alle tue esigenze.

Fonti:

  1. Nagarkatti, P., Pandey, R., Rieder, S. A., Hegde, V. L., & Nagarkatti, M. (2009). Cannabinoids as novel anti-inflammatory drugs. Future medicinal chemistry, 1(7), 1333-1349.
  2. Zuardi, A. W. (2008). Cannabidiol: from an inactive cannabinoid to a drug with wide spectrum of action. Revista brasileira de psiquiatria, 30(3), 271-280.
  3. Hammell, D. C., Zhang, L. P., Ma, F., Abshire, S. M., Mcllwrath, S. L., Stinchcomb, A. L., & Westlund, K. N. (2016). Transdermal cannabidiol reduces inflammation and pain‐related behaviours in a rat model of arthritis. European Journal of Pain, 20(6), 936-948.
  4. Blessing, E. M., Steenkamp, M. M., Manzanares, J., & Marmar, C. R. (2015). Cannabidiol as a potential treatment for anxiety disorders. Neurotherapeutics, 12(4), 825-836.
  5. U.S. Food and Drug Administration (2018). FDA approves first drug comprised of an active ingredient derived from marijuana to treat rare, severe forms of epilepsy. Retrieved from https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-approves-first-drug-comprised-active-ingredient-derived-marijuana-treat-rare-severe-forms.
  6. Schurman, L. D., Lichtman, A. H., & Srivastava, M. D. (2018). Acute and chronic effects of cannabidiol on the respiratory system: a literature review. Cannabis and Cannabinoid Research, 3(1), 247-254.
  7. De Filippis, D., Esposito, G., Cirillo, C., Cipriano, M., De Winter, B. Y., Scuderi, C., … & Iuvone, T. (2018). Cannabidiol reduces intestinal inflammation through the control of neuroimmune axis. PloS one, 13(11), e0205243.
  8. Zuardi, A. W., Hallak, J. E., & Guimarães, F. S. (2011). Antipsychotic-like effects of cannabidiol and rimonabant: systematic review of animal and human studies. Revista brasileira de psiquiatria, 33(suppl 1), s101-s112.
  9. McPartland, J. M., & Russo, E. B. (2011). Non-phytocannabinoid constituents of cannabis and herbal synergy. In Marijuana and the Cannabinoids (pp. 207-234). Springer, Boston, MA.
AZIENDA

 

* In caso di pagamento alla consegna si applica una commissione di 5,90€.

PER INFORMAZIONI

WhatsApp: 3519872410
Email: [email protected]

Dove trovarci

Via Colico 36, 20158 Milano (MI)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.
Mastercard Maestro American Express Visa Diners Club JCB Satispay Money
corriere
Hai bisogno di aiuto?