1,6% in meno di oppioidi venduti, sempre più italiani ricorrono al CBD disponibile nei Cannabis Store.

Nelle scorse settimane, il ministro degli interni italiano ha dichiarato “guerra” alla “cannabis leggera” e ai negozi che la vendono, facendo scatenare un putiferio. Se avrà la meglio la sua linea politica o se il buonsenso, lo scopriremo presto, il 30 maggio prossimo. In quella data, infatti, la Corte di Cassazione, a sezioni riunite, si esprimerà in maniera definitiva, condizionando, di fatto, anche la politica.

Perché parliamo di buonsenso? Perché sono tante, tantissime, le evidenza che ci dicono quanto la cannabis light abbia fatto bene al nostro Paese. E quanto ancora di più potrebbe farlo una vera legalizzazione.
Un esempio? Nei primi 10 mesi dopo che la cannabis leggera è diventata disponibile per l’acquisto, il servizio sanitario nazionale del nostro paese ha registrato un notevole calo nel numero di farmaci che ha dispensato, quali? Uno studio dell’Università di York nel Regno Unito ha riportato che, “l’arrivo di cannabis leggera in una determinata provincia ha portato a una riduzione del numero di scatole di ansiolitici erogate di circa l’11,5%, riduzione dei sedativi somministrati del 10% e riduzione degli anti-psicotici erogati del 4,8%”. Un bel risultato.

Lo studio, pubblicato sulla serie di Working Paper di Health Econometrics e Data Group, è uno dei primi a esaminare come le persone usano la cannabis per auto-medicarsi. Gli autori dello studio hanno infatti trovato “l’involontaria liberalizzazione della cannabis leggera” come un ottimo punto di partenza per studiare come l’accessibilità alla cannabis possa potenzialmente spingere le persone a rivolgersi alla cannabis come sostituto delle droghe tradizionali.

I dati

Per la loro ricerca, hanno raccolto dati mensili sulle vendite di farmaci per tutte le 106 provincie italiane da gennaio 2016 a febbraio 2018. Su una media mensile, hanno trovato che l’autorità sanitaria italiana fornisce rimborsi per 28 pacchetti di sedativi e 72 scatole di ansiolitici (o anti ansia) per provincia. Hanno anche documentato il rimborso di 12.610 pacchetti per oppioidi, 18.460 pacchetti per antiepilettici, 27.198 pacchetti per antidepressivi, 4.802 pacchetti per anti-psicotici e 2.504 scatole per anti-emicranie.

Cosa è successo? Dopo che la cannabis leggera è diventata facilmente disponibile nei negozi al dettaglio, il numero medio di farmaci erogati è diminuita di circa l’1,6%. Le prescrizioni per i farmaci tipicamente usati per trattare l’ansia e la psicosi – le condizioni per le quali il CBD è stato trovato ad avere un impatto – sono diminuite di più. “Questo è intuitivamente spiegato dalle proprietà rilassanti del CBD, che è spesso usato per trattare i disturbi del sonno”, afferma lo studio. “Inoltre, il grande coefficiente che osserviamo per sedativi e ansiolitici sono anche coerenti con la sostituzione derivante dall’autovalutazione e dall’automedicazione, cioè la possibilità di valutare individualmente i sintomi (cioè l’ansia e l’insonnia) e, di conseguenza, decidere se prendere una pillola. “

I ricercatori hanno anche documentato una lieve diminuzione del numero medio di pacchetti dispensati per antiepilettici (-1,5%), antidepressivi (-1,2%), oppioidi (-1,2%) e antiemicranici (circa -1%) .

In definitiva, lo studio conclude che “anche una forma lieve di liberalizzazione può generare un significativo effetto di ricaduta sul mercato dei prodotti farmaceutici”. Di conseguenza, i ricercatori incoraggiano i responsabili politici a considerare la regolamentazione del mercato della cannabis leggera in modo più efficace e a incoraggiare studi sul Cbd e i suoi effetti in medicina

 

Fonte: Buenavita